Questo sito web utilizza cookies.

Per maggiori informazioni, consulta la nostra Politica sulla privacy.

La tua sede è Italia.

Egil Hogna nominato nuovo CEO di Sapa

Il consiglio di amministrazione di Sapa AS ha nominato come nuovo Presidente e CEO dell’azienda Egil Hogna (44 anni), che sostituirà Svein Tore Holsether a partire dal 1 settembre 2015.

"Sono estremamente entusiasta di avere l'opportunità di guidare Sapa verso il futuro. In qualità di leader del settore, con 23.500 dipendenti in oltre 40 Paesi, Sapa vanta in un'ottima posizione per offrire soluzioni innovative in alluminio in grado di soddisfare le esigenze dei clienti di tutto il mondo – oggi e in futuro", spiega Hogna.

Negli ultimi sei anni, Hogna ha diretto il segmento Downstream in Yara International, mentre in precedenza ha rivestito diversi ruoli dirigenziali in Yara e Hydro, fra l'altro come CFO e Head of Investor Relations. Hogna si è laureato al Politecnico Norvegese di Trondheim e ha conseguito un MBA in amministrazione aziendale presso l'INSEAD.

"Entrambi i proprietari sono estremamente lieti di avere Egil Hogna alla guida di Sapa. Grazie alla gestione attiva dell'integrazione e alla realizzazione delle sinergie in largo anticipo rispetto ai tempi previsti, Hogna proseguirà lo sviluppo di Sapa come azienda leader mondiale per le soluzioni in alluminio innovative e orientate ai clienti, apportando una vasta esperienza industriale internazionale", spiega Svein Richard Brandtzæg, presidente del consiglio di amministrazione.

Il 30 marzo 2015, Sapa ha annunciato che Holsether avrebbe lasciato Sapa per assumere il ruolo di Presidente e CEO del gruppo norvegese produttore di fertilizzanti Yara International ASA. L'8 settembre sarà il suo ultimo giorno di lavoro in Sapa.

"Il consiglio di amministrazione desidera ringraziare Svein Tore Holsether per essere stato una risorsa preziosa per Sapa durante la realizzazione della joint-venture. Insieme alla direzione solida ed altamente competente di Sapa, ha condotto l'azienda in questa fase iniziale cruciale, adottando provvedimenti energici per assicurare a Sapa un futuro brillante", conclude Brandtzæg.